Sentire che ci sei…

agosto 2nd, 2011 § 0 comments

Ci sono cose che è difficile spiegare. Accadono e, talvolta, bisogna accettarle così come sono.

Non sempre la ragione serve a spiegare tutto.

Lunedì sera, durante il bellissimo ed emozionante concerto del maestro Franco Battiato, mentre le note e le parole de “la Cura” si rincorrevano per i loggiati di Piazza del Popolo, ho alzato gli occhi al cielo e la mia attenzione è stata catturata da una piccola stella.

Un cielo, finalmente sgombro da nuvole minacciose, che mostrava tutta la sua bellezza, e c’era quella stella, piccola ed incredibilmente luminescente, quasi sospesa sopra l’orizzonte visivo.

Non so neanche perchè, ma mi sono ritrovato a pensare al mio amico, Alfredo, che, poco tempo fa, ci ha lasciato. Ho ricordato la forza del suo sorriso, l’energia della sua creatività e l’incredibile capacità di amare tutti e tutto senza distinzioni. Alfredo è stato il mio primo editore, è stato lui a credere nei miei versi in un momento in cui, forse, nenanche io ci credevo più.

Ho capito che quella stella, con quella luce che sembrava aumentare con la poesia della musica, era Alfredo che guardava e che ballava con l’universo e nell’universo.

“Perchè sei un essere speciale..” . Che strano. Proprio quelle parole, proprio in quel momento.

Ci sono cose che è difficile spiegare. Accadono e, talvolta, bisogna accettarle così come sono.

Un dono.

Che bello sentire che ci sei…

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • email
Tags , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa stai leggendo?

Sentire che ci sei… su Fabrizio Cipollini.

info