Storia della mia gente (una recensione entusiasta)

agosto 19th, 2011 § 0 comments

Divorato in meno di 24 ore, Storia della mia gente di Edoardo Nesi, fresco vincitore delle Strega 2011, è uno di quei libri che non ti molla e ti costringe a tenere il cervello collegato, senza darti possibilità di distrazione.L’ho acquistato, con molta diffidenza, lo confesso. Credevo fosse un altro di quei pamphlet indignati o no global, oppure un romanzo, in chiave radical chic, contro il borghesismo berlusconian-liberista.
Invece, dopo piche righe, ti accorgi di avere tra le mani una orazione civile che di costruito o di trito non ha davvero niente.
Fortunatamente l’autore non avanza soluzioni e nemmeno racconta asetticamente delle sue vicissitudini, familiari ed imprenditoriali, sullo sfondo di una Prato in decadenza.
Oltre a non suggerire soluzioni, l’autore, fortunatamente, non vuole neanche rimanere asettico ed obiettivo, ma partecipa e ci fa partecipare alla marea dei ricordi, delle emozioni e dei processi mentali che attanagliano la provincia italiana, il motore economico del sistema.
Una orazione civile, non funebre, ma ragionevolmente speranzosa che si dipana, come una tela, attraverso tessuti e ricordi.
Davvero una bella prova di scrittura e di civiltà…

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa stai leggendo?

Storia della mia gente (una recensione entusiasta) su Fabrizio Cipollini.

info