In bocca al lupo, Francesco Bellini…

febbraio 6th, 2014 § 0 comments § permalink

Sono passati poco più di 50 giorni dalla dichiarazione di fallimento dell’Ascoli Calcio, ed oggi sembra una vita fa.

Sembrava impossibile poter dire, dopo poco più 50 giorni, che l’Ascoli Calcio, ed Ascoli, si sarebbero rialzate insieme, in maniera forte e dignitosa.

Ebbene questo è quello che è successo, oggi pomeriggio prima in Tribunale e poi tra le strade di Ascoli.

Ascoli si è sollevata da terra, con dignità, con entusiasmo, con passione e senza aiuti “esterni”.

L’Ascoli si è risollevata grazie agli ascolani, alla loro passione, al loro entusiasmo e, soprattutto, al loro tifo per i colori bianconeri.

Una unità davvero straordinaria, come raramente si è visto in Ascoli.

Meravigliosi sono stati i tifosi che, con civiltà e lungimiranza, non hanno mai abbandonato i colori bianconeri ed anzi hanno supportato, con le loro collette, la squadra.

Lungimirante è stata l’amministrazione, con a capo il sindaco Guido Castelli, per aver mantenuto saldo il timone, tenendo la rotta delle regole e della diplomazia, senza populismi a buon mercato e false promesse.

Forse questa è la notizia più bella, un segnale di speranza e di riscatto per un territorio, come il nostro, che sta pagando un prezzo altissimo alla crisi economica.

Un segnale che ha la faccia sorridente del Cav. Francesco Bellini, soprattutto, e dei suoi soci: Piero Palatroni, Battista Faraotti, Giuliano Tosti e Gianluca Ciccoianni.

Siamo sicuri che, dal paradiso, anche il mitico Costantino Rozzi, oggi, abbia sorriso ed abbia gioito.

A tutti loro non possiamo non augurare un grandissimo in bocca al lupo.

Oggi tramite internet, domenica, di sicuro, allo stadio.

un altro 18 dicembre tra le lacrime…

dicembre 18th, 2013 § 0 comments § permalink

lo ricordo ancora quel maledetto 18 dicembre 1994.

stavo svolgendo il servizio militare a Modena e quella mattina, uggiosa e nebbiosa, mia madre chiamò al telefono dell’ufficio per dirmi che Costantino Rozzi era partito da questa terra.

Ricordo che, chiusi il telefono come in trance, e mi misi a piangere come un bambino.

I miei colleghi ed il sergente maggiore che dirigeva l’ufficio credevano che fosse capitato qualcosa di brutto ai miei familiari e quando  riuscii a spiegare cosa era successo, inziarono a guardarmi come un marziano.

A me non importava dei loro sguardi allibiti, non importava di quello che dovevo fare, non mi importava di niente…

Costantino Rozzi, il Presidentissimo, il condottiero e l’anima dell’Ascoli Calcio ci aveva lasciato.

Come mi era impossibile smettere di piangere, così mi era impossibile non ricordare le gioie che l’Ascoli di Rozzi mi aveva regalato.

Il pallonetto di Nicolini col Cagliari, la rovesciata di Agostini con il Pisa, la “banana” di Casagrande, la doppietta di Novellino contro la Juventus, il centesimo gol di Giordano, il gol di Barbuti al Milan di Berlusconi…

Troppe emozioni. Tutto troppo, troppo in fretta….

Eppure non c’era stato il tempo di poter dire grazie.

Grazie Costantino Rozzi per aver dato ad una piccola città di 50mila anime un sogno, la dignità di poter dire, a voce alta, ci siamo anche noi.

Ho pianto anche stamattina.

Ho pianto nel leggere le notizie del fallimento dell’Ascoli Calcio.

Ho pianto nel vedere le foto di Rozzi e di Mazzone che esultavano.

Ho pianto, come quel maledetto 18 dicembre 1994.

E come allora intorno a me c’erano degli sguardi stupiti.

Nel 1994 retrocedemmo in serie C, oggi ci siamo già.

Adesso, però, servirà passione, servirà tenacia e servirà fantasia per tornare a volare sulle ali del picchio bianconero.

Servirà seguire l’esempio di Costantino Rozzi, il suo esempio di dignità e di tenacia.

Alla fine, quando risorgerà l’Ascoli Calcio, sarò pronto a dire ancora una volta: “Grazie, Presidente”….


Cosa stai leggendo?

un altro 18 dicembre tra le lacrime… su Fabrizio Cipollini.