Palme e Paradossi

marzo 28th, 2017 § 0 comments § permalink

tic-tac-toe-1777880__340La Politica è, spesso, il campo dove il paradosso diviene regola e la regola diviene paradosso. Ma anche qui c’è un limite che è meglio non superare. Già i Greci sapevano che il concetto di hubrys, cioè il superamento del limite fissato dagli dei, era il peccato capitale. E la pena per il peccatore er quello di divenire pazzo. Quasi tutta la tragedia greca è basata su questo assunto.  A San Benedetto del Tronto, questo limite si sta pericolosamente avvicinando per la maggioranza. La procedura di “sfiducia” al presidente del Consiglio comunale Gabrielli, da parte di una maggioranza della maggioranza, un paradosso anche questo, è frutto di quella hubrys, tipica da tragedia greca. Peccato che, in questo caso, si rischi la commedia, purtroppo tragica. Ma il risultato rischia di essere lo stesso: l’impazzimento.

La vittoria elettorale del Sindaco Piunti e della maggioranza di centrodestra, se ancora è lecito usare questo termine, è frutto di una serie incredibile di singolarità paradossali: le divisioni interne al Partito Democratico e la non presentazione della lista 5 stelle.  Certamente bisogna aggiungere anche il consenso elettorale, ma questo è stato, soprattutto nel secondo turno, un voto di “pancia”. Non siamo certo noi a dire che i voti di pancia valgano meo di quelli ponderati, per noi ogni voto ha il medesimo valore.

Quello che una maggioranza, guidata da una leadership illuminata, sarebbe dovuta essere quella di trasformare quei voti di pancia in voti convinti, mettendo in campo ogni misura ed ogni azione per realizzare il programma amministrativo.

Ed è qui che diviene centrale il ruolo del Consiglio Comunale.

Una maggioranza illuminata avrebbe dovuto servirsi dell’assemblea elettiva per realizzare, in modo trasparente, democratico, condiviso e aperto, proprio per dare la dimostrazione della propria forza, vincente, convincente ed aggregante. Un Consiglio comunale così interpretato, ed interpretabile, avrebbe avuto bisogno di un presidente capace di saperlo guidare con autorevolezza e senza autorità.

Ed è qui che la maionese impazzisce.

Se, invece, si interpreta, come purtroppo è stata interpretata, la figura del presidente assembleare come moneta di scambio all’interno del processo di spoil system delle posizioni assessorili è chiaro che, chi è chiamato a ricoprire quella posizione di presidente, si senta non un primus inter pares, ma un minus habens rispetto all’abnorme esposizione mediatica di cui il Sindaco e la Giunta godono. In questo corto circuito è chiaro che l’azione politica del presidente assembleare prenda una parabola eccentrica rispetto all’azione amministrativa ortodossa, incarnata dal Sindaco. Ci si deve distinguere dalla maggioranza che ti ha eletto per esistere nella stessa maggioranza, altro paradosso.

In questi casi, però, un sistema funzionante avrebbe un correttivo, o meglio un anticorpo: il partito.

Ed è qui che la maionese va in vacca.

Forza Italia, in provincia di Ascoli Piceno, non è mai stato un partito sia per incapacità dei suoi vertici, sia per calcolo politica della sua “classe” dirigente a livello più alto. L’unità e l’unanimità che ha sempre sbandierato, piuttosto che operare attraverso un confronto salutare tra una maggioranza ed una minoranza interna, ha, di fatto, trasformato tale partito in un comitato elettorale ed ha spostato la dialettica democratica interna negli agguati durante le votazioni siano esse elezioni provinciali o voti consiliari.

Il Comitato elettorale, poi, non riesce a superare tali traumi se non con l’ostracismo e con l’ostracismo e la dannazione dei “traditori” e dei “nemici” che, spesso, sono coloro che più potrebbero aiutare a costruire una coscienza politica ed intellettuale funzionale e necessaria alla evoluzione del Comitato in partito.

Nella logica del “nemico”, il Comitato elettorale, finiti i tradirori interni, li ricerca nei partiti e nelle liste alleate.

Ed il paradosso, sotto le palme, è completo.

Cosa accadrà ?

Non è nostro compito dare soluzioni, ma cercare di spiegare le cause e renderle note. Neanche siamo degli indovini per sapere cosa accadrà, cerchiamo di capire da dove si arriva.

 

Dopo quasi 4 anni, torno a scrivere qui sul mio sito. Purtroppo non ho scusanti per una tale assenza, se non la pigrizia.  Mi impegno a scrivere con un po’ più di periodicità. Almeno lo spero.

 

Avvoltoi Piceni

febbraio 7th, 2014 § 0 comments § permalink

Carissimi (si fa per dire) profeti di sventura in servizio permanente effettivo,

vi scrivo questo post con il cuore in mano per dirvi una sola cosa:

avete rotto le palle !!!

Sinceramente non ne posso più di sentirvi, becerare tutto il giorno sullo sfascio culturale di Ascoli Piceno.

Sinceramente ne ho pieni gli zebedei delle vostre apocalittiche visioni di sventura, delle vostre catastrofiche profezie di sventura sulla distruzione etica e morale della mia città.

Sinceramente non riesco più a digerire la vostra poltiglia putrida di ciarpame culturale e di politichetta da basso impero.

Sinceramente le mie orecchie non tollerano più il vostro gracchiare, senza senso e senza senno, di una vecchia età dell’oro passata e idealizzata  ed una fallace e falsa promessa di rinascita etica, culturale ed economica.

Non è vero che tutto qui sia merda, ma a voi piace dipingerla così perché, coprofagicamente, vi piace rotolarvici dentro.

Vi piace, siamo sinceri una buona volta, affrescare con toni bui e pesti dei vostri mancati sogni di gloria anche il cielo degli altri.

Vi piace trascinare gli altri nei vostri abissi di depravazione e depressione intellettuale, per chiuderli nel nanismo de vostri piccoli orizzonti.

Voi senza volto, se non quella della mediocrità.

Voi senza voce, se non quella dell’invidia.

Avete davvero rotto le palle, e mi spiace anche avervi dedicato questo post…

In bocca al lupo, Francesco Bellini…

febbraio 6th, 2014 § 0 comments § permalink

Sono passati poco più di 50 giorni dalla dichiarazione di fallimento dell’Ascoli Calcio, ed oggi sembra una vita fa.

Sembrava impossibile poter dire, dopo poco più 50 giorni, che l’Ascoli Calcio, ed Ascoli, si sarebbero rialzate insieme, in maniera forte e dignitosa.

Ebbene questo è quello che è successo, oggi pomeriggio prima in Tribunale e poi tra le strade di Ascoli.

Ascoli si è sollevata da terra, con dignità, con entusiasmo, con passione e senza aiuti “esterni”.

L’Ascoli si è risollevata grazie agli ascolani, alla loro passione, al loro entusiasmo e, soprattutto, al loro tifo per i colori bianconeri.

Una unità davvero straordinaria, come raramente si è visto in Ascoli.

Meravigliosi sono stati i tifosi che, con civiltà e lungimiranza, non hanno mai abbandonato i colori bianconeri ed anzi hanno supportato, con le loro collette, la squadra.

Lungimirante è stata l’amministrazione, con a capo il sindaco Guido Castelli, per aver mantenuto saldo il timone, tenendo la rotta delle regole e della diplomazia, senza populismi a buon mercato e false promesse.

Forse questa è la notizia più bella, un segnale di speranza e di riscatto per un territorio, come il nostro, che sta pagando un prezzo altissimo alla crisi economica.

Un segnale che ha la faccia sorridente del Cav. Francesco Bellini, soprattutto, e dei suoi soci: Piero Palatroni, Battista Faraotti, Giuliano Tosti e Gianluca Ciccoianni.

Siamo sicuri che, dal paradiso, anche il mitico Costantino Rozzi, oggi, abbia sorriso ed abbia gioito.

A tutti loro non possiamo non augurare un grandissimo in bocca al lupo.

Oggi tramite internet, domenica, di sicuro, allo stadio.

un altro 18 dicembre tra le lacrime…

dicembre 18th, 2013 § 0 comments § permalink

lo ricordo ancora quel maledetto 18 dicembre 1994.

stavo svolgendo il servizio militare a Modena e quella mattina, uggiosa e nebbiosa, mia madre chiamò al telefono dell’ufficio per dirmi che Costantino Rozzi era partito da questa terra.

Ricordo che, chiusi il telefono come in trance, e mi misi a piangere come un bambino.

I miei colleghi ed il sergente maggiore che dirigeva l’ufficio credevano che fosse capitato qualcosa di brutto ai miei familiari e quando  riuscii a spiegare cosa era successo, inziarono a guardarmi come un marziano.

A me non importava dei loro sguardi allibiti, non importava di quello che dovevo fare, non mi importava di niente…

Costantino Rozzi, il Presidentissimo, il condottiero e l’anima dell’Ascoli Calcio ci aveva lasciato.

Come mi era impossibile smettere di piangere, così mi era impossibile non ricordare le gioie che l’Ascoli di Rozzi mi aveva regalato.

Il pallonetto di Nicolini col Cagliari, la rovesciata di Agostini con il Pisa, la “banana” di Casagrande, la doppietta di Novellino contro la Juventus, il centesimo gol di Giordano, il gol di Barbuti al Milan di Berlusconi…

Troppe emozioni. Tutto troppo, troppo in fretta….

Eppure non c’era stato il tempo di poter dire grazie.

Grazie Costantino Rozzi per aver dato ad una piccola città di 50mila anime un sogno, la dignità di poter dire, a voce alta, ci siamo anche noi.

Ho pianto anche stamattina.

Ho pianto nel leggere le notizie del fallimento dell’Ascoli Calcio.

Ho pianto nel vedere le foto di Rozzi e di Mazzone che esultavano.

Ho pianto, come quel maledetto 18 dicembre 1994.

E come allora intorno a me c’erano degli sguardi stupiti.

Nel 1994 retrocedemmo in serie C, oggi ci siamo già.

Adesso, però, servirà passione, servirà tenacia e servirà fantasia per tornare a volare sulle ali del picchio bianconero.

Servirà seguire l’esempio di Costantino Rozzi, il suo esempio di dignità e di tenacia.

Alla fine, quando risorgerà l’Ascoli Calcio, sarò pronto a dire ancora una volta: “Grazie, Presidente”….

Promosso a pieni voti…

febbraio 12th, 2012 § 0 comments § permalink

Nel momento in cui sto scrivendo queste righe sembrerebbe che il generale Inverno abbia deciso di allentare la sua fredda presa sulla città di Ascoli Piceno.

Ci ricorderemo a lungo di questa eccezionale nevicata del 2012 e magari, tra molti anni, ai nostri nipoti racconteremo cosa abbiamo fatto e non fatto durante “Lu nevo’ “.

Qualcuno che avrà molto da raccontare sarà il Sindaco di Ascoli, Guido Castelli.

Ebbene la gestione dell’emergenza neve da parte del Comune è stata amministrativamente davvero ben gestita.

Ovviamente ci saranno gli scontenti, ma quelli ci sono e ci saranno sempre.

Ma dove il Sindaco Castelli ha davvero raggiunto punte di eccellenza è stato nella gestione del flusso comunicativo con i cittadini.

Guido Castelli, attraverso la sua pagina Facebook, ha saputo informare, dialogare e prendere spunti da tutti coloro che hanno voluto condividere con lui elogi, critiche e suggerimenti.

Guido Castelli, da parte del centrodestra italiano, dovrebbe essere preso a modello per quello che ha saputo fare e dire. Al contrario della gestione comunicativa che il suo collega Alemanno ha fatto a Roma.

Promosso a pieni voti, con la sicurezza che non si scioglierà come neve al sole…

Siate giovani, siate pirati…

novembre 1st, 2011 § 1 comment § permalink

(Venerdì 28 ottobre a San Benedetto del Tronto si è svolta la prima assemblea del movimento giovanile del PdL, Giovane Italia. Purtroppo per problemi di lavoro non sono potuto intervenire, ma voglio pubblicare il testo del discorso che avrei pronunciato)

Grazie, grazie davvero.
Anzitutto il mio ringraziamento va agli organizzatori, ed è un ringraziamento non formale ma sentito, poi grazie a voi che siete intervenuti e che partecipate così attenti e numerosi.
In un periodo in cui, come questo attuale, ove chi si impegna in una militanza politica, è visto, se è fortunato come un nullafacente, direi che non è cosa da poco.
Per cui, grazie.
Dopo la notizia della morte prematura di Steve Jobs, sui giornali, sui telegiornali e sulla rete impazzava il video del suo celeberrimo discorso in cui pronunciò la famosissima frase: “Stay hungry, stay foolish.”.
Ce lo hanno rifiliato in tutte le salse ed in tutte le accezioni, io non lo farò.
Piuttosto c’è un’altra frase di Steve Jobs che a me è più cara. Si narra che Jobs, appena insediò il gruppo di lavoro che poi avrebbe portato al McIntosh, scrisse sulla parete della stanza una frase, questa: “We are not the Navy, we are pirates.”.
“Noi non siamo la Marina, siamo pirati.”.
Era la sua lezione, il suo modo di far capire ai suoi collaboratori che dovevano uscire dagli schemi prefissati, dall’abitudine, dalla comodità dei luoghi comuni per avventurarsi alla ricerca della novità, dell’inaspettato, dell’inatteso e dell’innovazione creativa.
Era il suo modo di spronare gli altri a dare il meglio per sé stessi e per il gruppo stesso.
Era la sua maniera per dire che se vogliamo un futuro migliore , dobbiamo cominciare a costruirlo e a viverlo nella nostre vite.
“We are not the the navy, we are pirates.”.
Il mio augurio, ed il mio desiderio, è che la vostra formazione politica possa essere una ciurma di pirati, e non un battaglione irregimentato di Marina.
La mia militanza politica, nell’allora Fronte della Gioventù, inizia a 16 anni quando, studente del V Ginnasio della mia città, per spirito di contraddizione verso i professori che ci riempivano la testa con la critica marxista e verso quell’atteggiamento paternalistico snob di coloro che si definivano di sinistra, dopo aver letto “la Nascita della tragedia” di Nietzsche, decisi che qualcuno doveva pur occupare un posto alla destra di questo che oggi potremmo definire mainstream ideologico.
Non sono pentito di quella scelta.
La mia militanza giovanile mi ha permesso di formarmi una coscienza critica, conoscendo e leggendo autori fuori dai circuiti alla moda, di imparare a mettermi al servizio di altri e di capire come funzionano davvero le cose in una comunità.
Ebbene quella voglia di guardare il dietro delle cose, di capire diversi punti di vista, di essere come un salmone e non seguire la corrente, che ho imparato in quelle riunioni che sapevano di ciclostile, non mi ha mai abbandonato. Anche quando ho deciso di percorrere altre strade politiche.
Oggi sono qui a parlare di fronte a voi come referente provinciale della Free Foundation del ministro Brunetta, ma se fossi un semplice cittadino, credetemi, direi esattamente le stesse cose.
Paradossalmente, nel momento attuale in cui molti sono contro la politica, c’è davvero bisogno, necessario e forte, di Politica.
Si sente la mancanza di galeoni di pirati che solchino i mari procellosi e carichi di avventura della militanza politica, alla ricerca di tesori scomparsi.
Parlo ovviamente per quella che reputo essere la mia parte politica, quindi mi permetterete di essere fazioso, ma oggi il Popolo della Libertà, di cui Giovane Italia è l’espressione giovanile, è la Marina e non più i pirati.
Eppure proprio Silvio Berlusconi è stato l’icona dell’essere pirata sia nel mondo delle telecomunicazioni che, per quel che mi riguarda principalmente, nella politica.
Eppure oggi sia il PdL che Giovane Italia rischia di morire in una accozzaglia indigesta e putrida di accondiscendenza, servilismo, inanità, debolezza e cooptazione.
Non è questo che serve ai pirati.
Merito, libera competizione, apertura mentale, pluralismo e confronto sono, invece, il terreno fertile per piantare i semi di una nuova cultura politica, postmoderna e non posticcia.
Voi, pirati, che siete qui oggi avete un mare enorme da navigare e da scoprire: il mare del futuro.
La vostra America vi aspetta al di là della linea dell’orizzonte.
Non lasciate che le nostre catene intellettuali, forgiate attraverso le abitudini e le vecchie categorie, vi limitino nel vostro agire.
Non ripetete le idee degli altri per convenienza, per quieto vivere, o per accondiscendenza. Studiate quello che vi piace e cominciate a produrre le vostre idee. Internet, con i suoi social network e blog, è una opportunità straordinaria.
Non assimilatevi, ma siate voi stessi.
Rimanete attenti al mondo, ma non lasciate che questo vi tolga la facoltà di sognare.
Siate pirati, per essere marinai avrete tutto il tempo dopo.
Altrimenti un giorno vi girerete indietro e, scoprendo, di aver vissuto la vita degli altri, scoprirete che avrete perso la vostra identità.
Che il vento dei sogni e delle idee possa sempre soffiare a vostro favore, è ora di spiegare le vele.

Grazie.

Sentire che ci sei…

agosto 2nd, 2011 § 0 comments § permalink

Ci sono cose che è difficile spiegare. Accadono e, talvolta, bisogna accettarle così come sono.

Non sempre la ragione serve a spiegare tutto.

Lunedì sera, durante il bellissimo ed emozionante concerto del maestro Franco Battiato, mentre le note e le parole de “la Cura” si rincorrevano per i loggiati di Piazza del Popolo, ho alzato gli occhi al cielo e la mia attenzione è stata catturata da una piccola stella.

Un cielo, finalmente sgombro da nuvole minacciose, che mostrava tutta la sua bellezza, e c’era quella stella, piccola ed incredibilmente luminescente, quasi sospesa sopra l’orizzonte visivo.

Non so neanche perchè, ma mi sono ritrovato a pensare al mio amico, Alfredo, che, poco tempo fa, ci ha lasciato. Ho ricordato la forza del suo sorriso, l’energia della sua creatività e l’incredibile capacità di amare tutti e tutto senza distinzioni. Alfredo è stato il mio primo editore, è stato lui a credere nei miei versi in un momento in cui, forse, nenanche io ci credevo più.

Ho capito che quella stella, con quella luce che sembrava aumentare con la poesia della musica, era Alfredo che guardava e che ballava con l’universo e nell’universo.

“Perchè sei un essere speciale..” . Che strano. Proprio quelle parole, proprio in quel momento.

Ci sono cose che è difficile spiegare. Accadono e, talvolta, bisogna accettarle così come sono.

Un dono.

Che bello sentire che ci sei…

la sovranità del campo (e non delle carte bollate)…

luglio 12th, 2011 § 0 comments § permalink

il presente post è scritto sotto la spinta del tifo per il sestiere di Porta Solestà, cui il titolare di uesto sito appartiene orgogliosamente. I commenti sono graditi, quello che non piace, e non verrà assolutamente tollerata, è la maleducazione e la volgarità.

Luca Innocenzi, in groppa a Dorillas, ha vinto con pieno merito l’edizione di Luglio 2011 della Quintana di Ascoli Piceno, stabilendo il nuovo record di punteggio ed il giro più veloce. Bissando il palio vinto, per i colori gialloblu di Porta Solestà. di Agosto 2010.

E’ stata una gara emozionante, combattuta in uno spasmodico botta e risposta con Gubbini, il cavaliere giostrante di Porta Tufilla. Una gara condotta a suon di centri e sul filo dei secondi. Ma il campo ha decretato il suo verdetto, e la voce sul campo, volenti o nolenti, deve essere rispettata.
Questo è il mio pensiero.
Certo qualcuno potrà dire che affermo queste cose perchè ho vinto ed è più facile, da vincitore, assumere un attagiamento sportivo. Altri potranno sostenere, invece, che, se fossi stato al posto dei vertici del sestiere rossonero, avrei fatto esattamente la stessa cosa, proponendo il ricorso per far annullare la vittoria di Innocenzi.
La mia risposta è no. Se fosse capitato a me, non avrei sostenuto un ricorso del genere.

Nelle competizioni sportive non ci deve essere l’appigliarsi, postumo, ai cavilli ed ai codicilli per sovvertire una verdetto univoco che viene dall’atto sportivo.
E la competizione ha detto chiaro e tondo che, a luglio, il migliore è stata l’accoppiata Innocenzi – Dorillas.
Se contestazioni devono esserci devono essere fatte prima e non dopo. I ricorsi fatti dopo, soprattutto da chi ha mancato di poco la vittoria, hanno un retrogusto amaro. Sembrano espressione della sindrome del “..e nun ce vonno sta’…”. Alienano la simpatia e sminuiscono la portata della propria prestazione.

In più la Quintana, nelle ultime edizioni, sembra più essere il campo di azzeccagarbugli e di legulei che di cavalieri e di sportivi. Nella Quintana si combatte, lanciando il proprio cavallo al galoppo ed assaltando il moro con l’intento di fare centro. La Quintana non si giostra, con le carte bollate e con i ricorsi.

Certamente non deve essere tutto rose e fiori ed una melassa indigesta di “volemose bene”, ma lo sfottò, anche pesante, la ripicca, l’insulto ed il tifo sfrenato non devono far posto all’odio, al furore cieco ed al giacobinismo oltranzista.

Chi vince non è mai simpatico, questo sono il primo a dirlo. Magari Luca Innocenzi non ha sempre tenuto un comportamento da abile imbonitore. Ma nessuno può arrivare a sostenere, in perfetta buon fede, che, nel realizzare una impresa storica, non sia permesso esultare nel modo che uno si sente.
Esultare per una vittoria non è un fatto razionale, è pura emozione, puro istinto. E’ la parte “animale” che prende il sopravvento su quella razionale. Ma proprio nelle emozioni, che solo il campo sa dare e regale, risiede il bello di un torneo come la Quintana.
Emozioni uniche che vittorie ottenute con la carta non sanno e non possono fare.

Sabato sera il campo ha fatto sentire la propria voce ed ha emesso il proprio verdetto. Un verdetto che, come al solito, a qualcuno piace ed ad altri meno.
Ma un altro aspetto bello della Quintana e dello sport è che presenta sempre la possibilità di riscatto. Un riscatto che vale molto più delle carte bollate e che è deciso dai giudici più imparziali di questo mondo: il merito e la fortuna.


Cosa stai leggendo?

la sovranità del campo (e non delle carte bollate)… su Fabrizio Cipollini.