un altro 18 dicembre tra le lacrime…

dicembre 18th, 2013 § 0 comments § permalink

lo ricordo ancora quel maledetto 18 dicembre 1994.

stavo svolgendo il servizio militare a Modena e quella mattina, uggiosa e nebbiosa, mia madre chiamò al telefono dell’ufficio per dirmi che Costantino Rozzi era partito da questa terra.

Ricordo che, chiusi il telefono come in trance, e mi misi a piangere come un bambino.

I miei colleghi ed il sergente maggiore che dirigeva l’ufficio credevano che fosse capitato qualcosa di brutto ai miei familiari e quando  riuscii a spiegare cosa era successo, inziarono a guardarmi come un marziano.

A me non importava dei loro sguardi allibiti, non importava di quello che dovevo fare, non mi importava di niente…

Costantino Rozzi, il Presidentissimo, il condottiero e l’anima dell’Ascoli Calcio ci aveva lasciato.

Come mi era impossibile smettere di piangere, così mi era impossibile non ricordare le gioie che l’Ascoli di Rozzi mi aveva regalato.

Il pallonetto di Nicolini col Cagliari, la rovesciata di Agostini con il Pisa, la “banana” di Casagrande, la doppietta di Novellino contro la Juventus, il centesimo gol di Giordano, il gol di Barbuti al Milan di Berlusconi…

Troppe emozioni. Tutto troppo, troppo in fretta….

Eppure non c’era stato il tempo di poter dire grazie.

Grazie Costantino Rozzi per aver dato ad una piccola città di 50mila anime un sogno, la dignità di poter dire, a voce alta, ci siamo anche noi.

Ho pianto anche stamattina.

Ho pianto nel leggere le notizie del fallimento dell’Ascoli Calcio.

Ho pianto nel vedere le foto di Rozzi e di Mazzone che esultavano.

Ho pianto, come quel maledetto 18 dicembre 1994.

E come allora intorno a me c’erano degli sguardi stupiti.

Nel 1994 retrocedemmo in serie C, oggi ci siamo già.

Adesso, però, servirà passione, servirà tenacia e servirà fantasia per tornare a volare sulle ali del picchio bianconero.

Servirà seguire l’esempio di Costantino Rozzi, il suo esempio di dignità e di tenacia.

Alla fine, quando risorgerà l’Ascoli Calcio, sarò pronto a dire ancora una volta: “Grazie, Presidente”….

Da quando non ci sei più…

dicembre 1st, 2012 § 0 comments § permalink

Portami,

se ancora ti riesce,

alle giostre,

oppure sulle banchine dove

passano treni stranieri

su binari stranieri.

 

Accompagnami,

se ancora ne sei capace,

alla fine della mia strada,

oppure negli uffici solitari dove

riposano le cose abbadonate

da abbandonate persone.

 

Parlami,

se ancora parli la mia lingua,

fino a che finirà il mio vocabolario,

oppure fino a dove

vigila il silenzio

su silenziosi abissi.

 

Se il tuo incedere lieve

ha attraversato i millenni.

 

Se lievemente appari

sempre ove sei indispensabile.

 

Se lasci orme segrete

sulla via dell’inseguimento a te.

 

Ti ho perso nella pioggia,

eppure credo che sia stata tu

a gettarmi su un rivolo.

 

Abbiamo sciolto il nostro semplice nodo,

ma oggi credo che fosse solo questione di tempo,

prima che si rompesse.

 

Lasciami riposare adesso,

su questa apatia contagiosa

e con i miei fantasmi.

 

Ti lascio una vita piena di certezze,

io non saprei che farmene.

 

Lasciami dormire adesso

su questo tappeto di dolci

e di nuvole.

 

Ti lascio le carte.

 

Giocaci,

oppure buttale

secondo il calendario delle raccolta differenziata.

 

Riprenditi il niente

che sembra tutto.

 

Riprenditi il tutto

che sembra niente.

 

Riprenditi qualcosa,

qualcosa di te dalla mia bacheca

e lascia, però, la polvere.

 

Se il tuo incedere lieve

ha attraversato i millenni.

 

Se lievemente appari

sempre ove sei indispensabile.

 

Se lasci orme segrete

sulla via dell’inseguimento a te.

 

Non è per paura.

Forse, per consapevolezza.

 

E ritmicamente sfidi il mondo,

con il tuo enigma, che ancora non so risolvere.

 

Non tutte le settimane enigmistiche devono essere finite

per forza o per rabbia.

 

Sussurrami

le mie ultime parole,

se le sai,

oppure lascia che sia io,

finalmente, a ringraziarti del bene

che mi hai fatto.

 

Da quando non ci sei più…

 

(Fabrizio Cipollini)

le radici di ieri, di oggi e di domani…

giugno 7th, 2012 § 0 comments § permalink

Spesso lasciamo che il nostro passato modelli il nostro presente e guidi il nostro futuro.

Spesso lasciamo che le nostre dolorose esperienze di ieri siano la bussola delle azioni di oggi.

Costruiamo i nostri progetti ed edifichiamo le nostre aspettative su questi pensieri, e, poi, ci meravigliamo se questi progetti falliscono e queste aspettative crollano.

E così, mirando questi disastri, diamo la colpa al destino, alla fortuna ed agli altri.

Invece la colpa è solo nostra.

E’ nostra la colpa, perchè abbiamo usato dei semi con delle radici tossiche, infestate dal dolore e dal fallimento.

Se facciamo le cose, aspettandoci di fallire.Cosciamente od incosciamente faremo di tutto per fallire.

Spesso lasciamo che il dolore del passato si ripeta, attraverso i nostri pensieri, nel nostro presente e, così facendo, lasciamo che si intossichi il nostro futuro.

E’ una dura verità da accettare.

Ma se non abbandoniamo del tutto il nostro passato doloros, alla fine, non avremo più futuro….

buoni propositi per l’anno nuovo in clamoroso ritardo…

gennaio 22nd, 2012 § 0 comments § permalink

Cavolo !

Solo adesso mi sono accorto che non ho ancora scritto un post sul mio sito dall’inizio di questo 2012. Certamente a causa dell’influenza che mi ha colpito proprio a Capodanno, unita ad una massiccia dose di pigrizia, e se poi ci mettiamo una spruzzatina di, non dico indifferenza, ma una certa freddezza sulla bontà di questo 201; il quadro è completo.

Il 2012, infatti, non si è presentato con quella dose di ottimismo e di fiudica che, quasi, tutti i nuovi anni portano seco. Vuoi per colpa del fatidico 21 dicembre 2012, vuoi perchè gli effetti di questa crisi economica, ma soprattutto culturale, cominciano a farsi sentire in maniera importante.

Ed eccoci qui, arrivati al 21 gennaio, senza neanche aver espresso i nostri buoni propositi per l’anno 2012. Propositi che puntualmente rispetterò parzialmente, ma che fanno parte di quel rito “purificatorio” che accompagna qualsiasi inizio.

Ebbene, in questo anno 2012, cercherò di abbandonare il piagnisteo coccodrillesco e quell’atteggiamento da corvo funereo che sembrano avere la meglio in questa società. Non solo mi impegnerò a non piangermi addosso, a scaricare tutta la colpa sugli altri, a lamentarmi senza proporre, a far risaltare le inefficenze, ma cercherò di essere propositivo e proattivo.

Il buono proposito del 2012 sarà quello di orientare la mia mente al meglio, al bello, alla eccellenza ed alla risoluzione consapevole e mediata delle piccole difficoltà, consapevole che risolte le piccole difficoltà, anche le grandi saranno più semplici di affrontare.

Non solo lo farò con i fatti, ma anche con le parole e così, quando incontrerò alcuni professionisti del piagnisteo e della critica senza costrutto, risponderò per le rime.

Questo sarà il mio principale obiettivo per questo 2012. Poi, magari, non riuscirò a seguirlo fino in fondo, ma anche solo averci provato, sarà un piccolo passo in avanti per migliorare il mio piccolo spazio di mondo.

Sentire che ci sei…

agosto 2nd, 2011 § 0 comments § permalink

Ci sono cose che è difficile spiegare. Accadono e, talvolta, bisogna accettarle così come sono.

Non sempre la ragione serve a spiegare tutto.

Lunedì sera, durante il bellissimo ed emozionante concerto del maestro Franco Battiato, mentre le note e le parole de “la Cura” si rincorrevano per i loggiati di Piazza del Popolo, ho alzato gli occhi al cielo e la mia attenzione è stata catturata da una piccola stella.

Un cielo, finalmente sgombro da nuvole minacciose, che mostrava tutta la sua bellezza, e c’era quella stella, piccola ed incredibilmente luminescente, quasi sospesa sopra l’orizzonte visivo.

Non so neanche perchè, ma mi sono ritrovato a pensare al mio amico, Alfredo, che, poco tempo fa, ci ha lasciato. Ho ricordato la forza del suo sorriso, l’energia della sua creatività e l’incredibile capacità di amare tutti e tutto senza distinzioni. Alfredo è stato il mio primo editore, è stato lui a credere nei miei versi in un momento in cui, forse, nenanche io ci credevo più.

Ho capito che quella stella, con quella luce che sembrava aumentare con la poesia della musica, era Alfredo che guardava e che ballava con l’universo e nell’universo.

“Perchè sei un essere speciale..” . Che strano. Proprio quelle parole, proprio in quel momento.

Ci sono cose che è difficile spiegare. Accadono e, talvolta, bisogna accettarle così come sono.

Un dono.

Che bello sentire che ci sei…

Papa Giovanni Paolo II è beato

maggio 1st, 2011 § 0 comments § permalink

Oggi è stato proclamato beato Papa Giovanni Paolo II , uno dei pontefici più amati nella storia.Il Papa che ha saputo parlare al cuore di un mondo che, durante il suo pontificato, è cambiato in maniera rivoluzionaria. Il 22 ottobre è il giorno a lui dedicato. Il 28 dicemre 1999 scrissi una poesia a Lui dedicata che di seguito vi riporto. E’ il mio omaggio ed il mio ricordo…

Arrivato secondo il cammino del sole

Arrivato, secondo il cammino del sole,

a portare – come in una cosmica maratona –

la fiaccola dell’amore.

Arrivato, secondo il corso del sole,

a splendere

in un oscuro 13 maggio.

Arrivato, secondo il passo del sole,

a parlare

parole da ascoltare con il cuore.

Arrivato, secondo, il sentiero del sole,

a capire

come farci capire di essere soltanto uomini.


Cosa stai leggendo?

Papa Giovanni Paolo II è beato su Fabrizio Cipollini.