Non è da tutti votare per la propria mamma

maggio 24th, 2014 § 0 comments § permalink

Sono davvero pochi i figli che possono avere l’onore di votare per la propria mamma.

A me capiterà domani ed ammetto che sarà una emozione davvero nuova e forte.

Angela Rosa, detta Rosella, Ciriaci è il nome della mia super mamma “elettorale”.

Non vi starò, certamente, a raccontare la sua storia o a magnificare le sue credenze o i suoi valori.

Se vi piace leggere quello che scrivo, sappiate che è stato grazie alla sua educazione ed al suo esempio che sono divenuto quello che sono e quindi quello che scrivo.

Educazione ed esempio.

Un binomio che, in questa fase politica viene dimenticato ed oscurato da un altro binomio: apparenza e astrattismo.

Non è da tutti votare per qualcosa di concreto, non è da tutti votare per la propria mamma, domani il mio voto sarà per l’educazione e l’esempio.

…ma anche per ribadire a mia mamma che  le voglio bene.

p.s.: la Lista dove si candida mia madre è la lista civica “Pensiero Popolare Piceno” a supporto di Guido Castelli sindaco

…purtroppo a livello locale non è possibile fare una lista liberale…

marzo 10th, 2014 § 0 comments § permalink

Chi mi conosce sa che, in tutta la mia vita politica, ho sempre lavorato per poter dar vita ad un movimento liberale (e conservatore) a livello comunale.

Certamente l’ho fatto a mio modo.

Senza cedimenti, senza piaggerie, senza piagnistei, senza clientele e senza annacquare il messaggio di libertà, di sviluppo e di crescita. Magari con crudezza, con cinismo, con poca diplomazia, ma soprattutto con coerenza.

Non ho mai usato la doppia faccia, come sono in realtà, mi sono comportato anche in politica.

Paradossalmente, oggi, che alle Europee finalmente si arriva alla costituzione di una lista dell’Alleanza Liberal-Democratica Europea, sono qua a scrivere che, ad Ascoli, non è possibile costruire un simile raggruppamento.

Non è possibile perché le fondamenta di un tale raggruppamento poggerebbero su un terreno molle, troppo molle.

Anzitutto perché un tale movimento deve avere un orizzonte temporale, per essere solido, molto maggiore delle prossime elezioni comunali.

Un simile orizzonte temporale è troppo lungo se il fine è costituire un comitato elettorale, ma troppo breve se invece si ha, come me, l’ambizione di fare un movimento.

Il secondo motivo ostativo è la coerenza valoriale ed ideologica.

E’ difficile, infatti, pensare di mettersi insieme a persone che in pochi anni sono passati da Rotondi a Casini, passando per Berlusconi e Lombardo, per poi finire a Montezemolo o a una scelta civica senza Monti ?

Difficile, se non impossibile.

In Scelta Civica, infatti, dopo la scissione dei popolari di Mauro e l’abbandono di Monti, c’è un nocciolo di esponenti liberali, come Enrico Zanetti, Benedetto Della Vedova e Pietro Ichino che coerentemente portano avanti l’idea di un rassemblement liberaldemocratico, perché ci credono.

In Ascoli c’è chi sta usando il simbolo di Scelta Civica come un adesivo da mettere su una giacchetta elettorale, destinata ad essere gettata il giorno dopo.

Noi, autenticamente liberali, invece vogliamo metterci in cammino esattamente dal giorno dopo, poichè abbiamo oggi una ambizione molto più grande del partecipare alle prossime elezioni.

Noi vogliamo costruire una Ascoli libera e coraggiosa che non abbia paura di guardare il suo futuro ed esserne non solo all’altezza, ma addirittura superiore.

Una città capace di essere leader nelle Marche sfidante e motivante.

Oggi non ci sono le condizioni per costruire un tale raggruppamento, ovviamente, non appena qualcuno leggerà queste mie parole dirà che la sua lista o il suo candidato rappresenta questo mio sogno.

Non è così.

Ovviamnete parteciperemo alle prossime elezioni comunali ed abbiamo ben chiaro quale sia la scelta migliore per il sindaco.

Ma continueremo a sognare, continueremo a non avere paura  e saremo pronti.

Abbiamo un appuntamento già fissato, e saremo pronti.

Avvoltoi Piceni

febbraio 7th, 2014 § 0 comments § permalink

Carissimi (si fa per dire) profeti di sventura in servizio permanente effettivo,

vi scrivo questo post con il cuore in mano per dirvi una sola cosa:

avete rotto le palle !!!

Sinceramente non ne posso più di sentirvi, becerare tutto il giorno sullo sfascio culturale di Ascoli Piceno.

Sinceramente ne ho pieni gli zebedei delle vostre apocalittiche visioni di sventura, delle vostre catastrofiche profezie di sventura sulla distruzione etica e morale della mia città.

Sinceramente non riesco più a digerire la vostra poltiglia putrida di ciarpame culturale e di politichetta da basso impero.

Sinceramente le mie orecchie non tollerano più il vostro gracchiare, senza senso e senza senno, di una vecchia età dell’oro passata e idealizzata  ed una fallace e falsa promessa di rinascita etica, culturale ed economica.

Non è vero che tutto qui sia merda, ma a voi piace dipingerla così perché, coprofagicamente, vi piace rotolarvici dentro.

Vi piace, siamo sinceri una buona volta, affrescare con toni bui e pesti dei vostri mancati sogni di gloria anche il cielo degli altri.

Vi piace trascinare gli altri nei vostri abissi di depravazione e depressione intellettuale, per chiuderli nel nanismo de vostri piccoli orizzonti.

Voi senza volto, se non quella della mediocrità.

Voi senza voce, se non quella dell’invidia.

Avete davvero rotto le palle, e mi spiace anche avervi dedicato questo post…

In bocca al lupo, Francesco Bellini…

febbraio 6th, 2014 § 0 comments § permalink

Sono passati poco più di 50 giorni dalla dichiarazione di fallimento dell’Ascoli Calcio, ed oggi sembra una vita fa.

Sembrava impossibile poter dire, dopo poco più 50 giorni, che l’Ascoli Calcio, ed Ascoli, si sarebbero rialzate insieme, in maniera forte e dignitosa.

Ebbene questo è quello che è successo, oggi pomeriggio prima in Tribunale e poi tra le strade di Ascoli.

Ascoli si è sollevata da terra, con dignità, con entusiasmo, con passione e senza aiuti “esterni”.

L’Ascoli si è risollevata grazie agli ascolani, alla loro passione, al loro entusiasmo e, soprattutto, al loro tifo per i colori bianconeri.

Una unità davvero straordinaria, come raramente si è visto in Ascoli.

Meravigliosi sono stati i tifosi che, con civiltà e lungimiranza, non hanno mai abbandonato i colori bianconeri ed anzi hanno supportato, con le loro collette, la squadra.

Lungimirante è stata l’amministrazione, con a capo il sindaco Guido Castelli, per aver mantenuto saldo il timone, tenendo la rotta delle regole e della diplomazia, senza populismi a buon mercato e false promesse.

Forse questa è la notizia più bella, un segnale di speranza e di riscatto per un territorio, come il nostro, che sta pagando un prezzo altissimo alla crisi economica.

Un segnale che ha la faccia sorridente del Cav. Francesco Bellini, soprattutto, e dei suoi soci: Piero Palatroni, Battista Faraotti, Giuliano Tosti e Gianluca Ciccoianni.

Siamo sicuri che, dal paradiso, anche il mitico Costantino Rozzi, oggi, abbia sorriso ed abbia gioito.

A tutti loro non possiamo non augurare un grandissimo in bocca al lupo.

Oggi tramite internet, domenica, di sicuro, allo stadio.

Promosso a pieni voti…

febbraio 12th, 2012 § 0 comments § permalink

Nel momento in cui sto scrivendo queste righe sembrerebbe che il generale Inverno abbia deciso di allentare la sua fredda presa sulla città di Ascoli Piceno.

Ci ricorderemo a lungo di questa eccezionale nevicata del 2012 e magari, tra molti anni, ai nostri nipoti racconteremo cosa abbiamo fatto e non fatto durante “Lu nevo’ “.

Qualcuno che avrà molto da raccontare sarà il Sindaco di Ascoli, Guido Castelli.

Ebbene la gestione dell’emergenza neve da parte del Comune è stata amministrativamente davvero ben gestita.

Ovviamente ci saranno gli scontenti, ma quelli ci sono e ci saranno sempre.

Ma dove il Sindaco Castelli ha davvero raggiunto punte di eccellenza è stato nella gestione del flusso comunicativo con i cittadini.

Guido Castelli, attraverso la sua pagina Facebook, ha saputo informare, dialogare e prendere spunti da tutti coloro che hanno voluto condividere con lui elogi, critiche e suggerimenti.

Guido Castelli, da parte del centrodestra italiano, dovrebbe essere preso a modello per quello che ha saputo fare e dire. Al contrario della gestione comunicativa che il suo collega Alemanno ha fatto a Roma.

Promosso a pieni voti, con la sicurezza che non si scioglierà come neve al sole…


Cosa stai leggendo?

Promosso a pieni voti… su Fabrizio Cipollini.