the Vatican Seagull

marzo 13th, 2013 § 0 comments § permalink

A voler essere anche un po’ fatalisti, possiamo dire che i segnali dell’avvento di un nuovo pontefice erano già nell’aria. Non solo metaforicamente. Quel gabbiano, fermo, sul comignolo della Cappella Sistina da cui, pochi minuti fa, è uscita la famosa fumata bianca , era un segno “divino”. Simbolicamente, infatti, il gabbiano è il messaggero del Divino in questo piano e quindi è facile dire, adesso, che i segnali c’erano tutti.

Certamente questo conclave non è stato un conclave “normale”, il gesto delle dimissioni di Papa Benedetto XVI restano un gesto quasi rivoluzionario. Un gesto niobile, generoso e pieno d’amore da parte di un pontefice, spesso ingiustamente etichettato come conservatore, verso la sua Chiesa.

Una Chiesa divisa tra la sua missione lucente di fede e di speranza ed una curia vaticana, scossa da troppi veleni e da troppe divisioni.

Sanare queste ferite e ricucire questi strappi, infatti, saranno la principale missione dell’ex cardinale Jorge mario Bergoglio, da oggi Papa  Francesco I, cui auguriamo di cuore un fecondo ed illuminato pontificato.

Indubbiamente  questo conclave nella sua brevità ha dato già una risposta alla richiesta pressante di unità da parte dei fedeli di tutto il mondo. Adesso bisognerà vedere, con fiducia, se le altre richieste verranno soddisfatte.

Chi scrive non può fregiarsi del titolo di fervido praticante, ma forse quello di un umile pellegrino in cammino nel mondo. Ciò però non toglie che seguiremo con interesse questa nuova fase.

Una nuova fase segnata dai tantissimi Ipad che vendono innalzati dalle mani dei fedeli riunite nella piazza per riprendere la prima apparizione del nuovo Pontefice. E proprio questi Ipad, tablet e smartphone sono il segno che tradizione e modernità possono unirsi con gioia.

Speriamo che il nome scelto da questo nuovo Papa, Francesco, oltre ad essere una novità assoluta, sembra essere l’auspicio di un ritorno alla semplicità ed alla trasparenza, quasi mistica, del Vangelo.

La fase annunciata da un piccolo gabbiano sopra un comingnolo…

Voterò comunque per Fermare il declino

febbraio 20th, 2013 § 1 comment § permalink

Mentre scrivo queste poche parole, Oscar Giannino si è dimesso dalla carica di presidente di Fare per fermare il declino e dalla Bignardi sta giustamente, e un po’ amaramente, confessando il suo peccato di vanità.  Dimettersi per “colpa” di un finto master a meno di 4 giorni dalle elezioni è un fatto davvero nuovo nel panorama politico italiano. Se poi vieni abbattuto dal fuoco amico di uno che ha fondato un partito insieme a te, come Zingales, la novità diventa eccezionalità. E, in questa italietta, dove chi governa le “città-banche” dice di non aver niente a che fare quandio queste ultime compiono le peggiori nefandezze, dove è possibile comprare una casa senza sapere chi la paga, dove si salva dall’arresto un proprio sodale e poi lo sacrifica in nome dei sondaggi, dove si candidano i figli con lauree false e infermierine in pizzi e burlesque con lauree vere, dove si porta al governo la destronza in tacco 12 che si era candidata contro di te, vantandosi di non avertela data, dove un giornalista va in galera per le cazzate che scrive e poi viene graziato perchè, nonostante un partito amico, non si riesce a varare una legge sulla stampa seria e civile, dove un partito della coalizione fa cadere una giunta regionale e ci si candida in coalizione con questo stesso partito per un nuovo mandato, dove, nonostante tu abbia un ex sindaco universalmente riconosciuto come ottimo amministratore, lo regali ad un’altra coalizione e poi ti incazzi perchè ti porta via i voti, dove, nonostante maggioranze parlamentari mostruose, non si tagliano le tasse, non si semplifica, non si fa crescere l’economia ma in compenso si crea il leviatano Equitalia, dove devi mendicare il voto di due peones per tenere in piedi il tuo governo, dopoche hai cacciato chi si è candidato con te, dove, sostieni per un anno un governo tecnico insieme ai tuoi opopositori e approvi l’istituzione dell’IMU, il fiscal compact ed il redditometro, dove nomini un professore della Bocconi come commissario europeo per ben due mandati, facendo fuori Emma Bonino per nominare Napolitano, dove questo ex commissario europeo divien presidente del consiglio tecnico e, dopoche gli hai offerto anche il tuo partito, si candida contro di te  e diventa il nemico pubblico numero uno, questa è l’italietta dove l’eccezionalità fa paura.

Ebbene Oscar Giannino non ha mai conseguito un master a Chicago e si è dimesso per questa sua colpa. E proprio queste dimissioni rappresentano una sostanziale novità etica e morale nella politica italiana.

Certo potremmo dire che la Santanchè in situazione analoga non lo ha fatto, ma scenderemmo al livello del direttore de il Giornale e , francamente, per il rispetto che porto al suo fondatore, Indro Montanelli, non lo faccio.

Certamente sono un liberale, uno di quei liberali che, dal 1994, ha sempre votato Berlusconi orgogliosamente fino al 2006. Quest’anno vengo additato come liberale purista, praticamente uno che si fa le pippe mentali perchè ho deciso di aderire a Fare per fermare il declino.

Ebbene si, sono un liberale purista ed onanista.

Sogno un rivoluzione liberale dove ci sia meno stato, meno tasse, meno burocrazia, meno privilegi, più scelta, più liberta, più regole e più mercato.

Sono un onanista liberale, impunito, che preferisce vivere delle fantasie di un Oscar Giannino senza master piuttosto che degli incubi socialisticheggianti e colbertistiche di un Tremonti.

Voterò comunque Fermare il declino, perchè questo non è solo economico, è soprattutto culturale.

Voterò comunque Fermare il declino perchè quando purgheranno Sallusti, perchè alla fine toccherà anche a lui, voglio esserci per poter dire: “Benvenuto, amico onanista. Pardon, purista”….

Dopo il 12 novembre…

novembre 28th, 2011 § 0 comments § permalink


Ho votato Silvio Berlusconi e l’ho fatto votare, lo abbiamo critica quando pensavamo fosse opportuno e lo abbiamo eleogiato quando ritenevamo giusto farlo. Adesso a 16 giorni dalle sue dimissioni possiamo gettare un primo sguardo al suo abbandono dalla carica di Presidente del Consiglio.
Anzitutto, credo che sia necessario partire dalla pacchiana e cafonesca gazzarra, con annesso lancio di monetine, che si è scatenata sia di fronte a Palazzo Chigi che di fronte al Quirinale.
Ancora una volta gli italiani hanno dimostrato che la voglia di Piazzale Loreto sia sempre presente nel DNA politico tricolore.
Anzitutto bisogna ammettere che le dimissioni del 12 novembre scorso sono frutto di alcune scelte strategico-politiche francamente discutibili che il governo Berlusconi ha e non ha compiuto dalla vittoria elettorale del 2008.
Certamente dare la colpa ad 8 traditori è facile dal punto di vista comunicativo, ma non può essere usata come tesi politica.
Anche perchè il comportamente della Carlucci è stato simmetricamente uguale a quello di Scilipoti. Ecco, a posteriori, sarebbe stato meglio andare alle elezioni anticipate dopo la vittoria parlamentare del 14 dicembre 2010.
Probabilmente il centrodestra non avrebbe perso Milano ed, oltre alle elezioni politiche, avrebbe vinto anche a Napoli.
Ma qui ci stiamo addentrando nella urconia.
Adesso dopo la sbornia degli #aeiuoy, si apre una nuova fase politica, di Berlusconi e del Berlusconismo.
Una nuova fase che ha il nome di Mario Monti ed il suo #Rimontiamo….


Cosa stai leggendo?

Dopo il 12 novembre… su Fabrizio Cipollini.