Occupare la prateria – parte 2

settembre 16th, 2013 § 0 comments § permalink

Per occupare la prateria non serve solo una organizzazione, in senso lato,ma anche un nuovo linguaggio.

Non questa neo-lingua, di stampo orwelliano, che viene usata dai nostri politicanti, ma un nuovo vocabolario che restituisca, in maniera coerente e congruente, la realtà che ci circonda e viviamo.

Non è un caso se anche Beppe Grillo, ultimamente, si sia lamentato della opprimente dittatura lessicale del politically correct.

Il politicamente corretto è, oramai, divenuto la lingua ufficiale del relativismo e dell’indifferentismo etico e valoriale. la sua vischiosità mostra, sempre di più, i limiti e l’inadeguatezza dei suo schemi. Esso alimenta, paradossalmente, l’incomunicabilità tra persone, classi o generi piuttosto che facilitare il dialogo.

Certamente una risposta può essere la provocazione di un Vaffa Day, ma è ndubbio che la sua ripetizione diventerebbe una mera propaggine della dittatura del polically correct.

Non servono flash mob lessicali per sconfiggerlo, serve piuttosto una rivoluzione, una cesura, un salto quantico grammaticale.

Oggi una nova lingua esiste, anche se non ha regole e strutture grammaticali.

È la lingua che si parla sulla rete, gli idomi che rimabalzano sui blog, che sono condivisi su Facbook o che vengono scritti su twitter.

È un linguaggio diverso, meno mellifluo ed opaco della neolingua politicamente corretta.

Una lingua viva e pulsante, carica di emozioni e di militanza, di intelligenza ed anche di ideologie, che, in quantità omeopatiche, non basta mai.

E’ ovvio che il vecchio mondo faccia delle resistenze di fronte a questa novità, ma proprio per questo è necessario continuare a parlare questa nuova lingua globale, ma non omologate ed omologante.

Bisogna che si arrivi al punto di rottura, perchè la rottura della cappa della neolingua significherà la rottura di questo sistema immobile.

Occupare la prateria – parte 1

settembre 1st, 2013 § 0 comments § permalink

Da tempo sosteniamo che, soprattutto dopo l’ultima sconfitta elettorale amministrativa del centrodestra, si è aperta una prateria politica che, tranne alcuni sparuti gruppi, nessuno sembra voler occupare.

Uno di questi gruppi è il Tea Party Italia che, già dal suo nome, guarda all’esperienza innovatrice e palingenetica nei confronti del campo repubblicano dei Tea Party negli Stati Uniti.

Nonostante un certo ostracismo da parte del mainstream mediatico italiano, sempre affetto di un misto tra provincialismo e presentismo, il Tea Party Italia è uno dei pochi network politici a funzionare ed ad produrre idee sia nella rete che off-line.

Non è un caso, infatti, se alcuni suoi esponenti abbiano rivolto un appello pubblico a Silvio Berlusconi perchè usi il modello Tea Party per rifondare Forza Italia.

Sarebbe troppo comodo e semplicistico, a nostro parere, descriver il Tea Party come la (possibile) risposta a Grillo da parte di un centrodestra.

Il Tea Party italia non nasce per merito del centrodestra, ma nonostante esso.

Esso, infatti, non è frutto di uno studio di marketing e non ha come collante l’avversione verso la politica.

I Tea Partigiani, certamente muovono dalla delusione di una mancata rivoluzione liberale, ma hanno saputo sfruttare questa delusione come carburante per il proprio impegno.

Un impegno culturale e civile, ma non elettorale, visto che, fino ad adesso, non si sono mai presentati a nessuna competizione elettorale.

Certe volte, vista la scarsa qualità di alcuni eletti, viene da chiedersi cosa succederebbe in Parlamento se il governo Letta fosse incalzato da una piccola pattuglia del Tea Party, secondo noi, ne basterebbero almeno cinque.

Lotta al fisco predatorio, meritocrazia, liberalizzazioni e una massiccia cura dimagrante per lo Stato, attraverso una potente azione deburocratizzante, sono e parole d’ordine di questo movimento.

Le stesse parole che sono il vocabolario base dei nativi della prateria.

Condannato !!!

agosto 1st, 2013 § 0 comments § permalink

La Corte di Cassazione ha deciso.

Silvio Berlusconi è stato definitivamente condannato, per il reato di frode fiscale, a 4 anni di reclusione nell’ambito della vicenda nota come MediaTrade.

La Corte  ha annullato, con rinvio alla Corte di appello di Milano per una nuova definizione, la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici.

A noi, sinceramente, non interessa schierarci tra i giacobini festanti o tra i lealisti piagnucolanti.

Abbiamo votato e sostenuto convintamente Silvio Berlusconi negli scorsi anni, non ce ne vergogniamo e non lo rinneghiamo.

Lo abbiamo fatto in nome (e per conto) di quella rivoluzione liberale che sia Forza Italia che il Popolo della libertà non è mai stato capace di fare.

Peccato !!!

Peccato, perché questa condanna è quanto di più ironico possa esserci.

Berlusconi, infatti, viene condannato per non aver saputo, o potuto, oppure voluto fare quella che doveva essere il cardine della sua rivoluzione liberale: la riforma del sistema tributario italiano.

Al di la della ironia, però, questa sentenza non può essere liquidata in maniera lieve.

Anzitutto viene da chiedersi se questa sia la fine di Berlusconi e dell’attuale centrodestra italiano ?

Certamente,secondo noi,  questa condanna non segna la fine del Cavaliere.

Sicuramente, però, non è neanche un punto a suo favore, o meglio a favore della sua immagine.

Berlusconi non abbandonerà la scena politica ed il suo partito, anzi, probabilmente, ci si dedicherà con maggiore impegno e maggiore visibilità.

Ne avremo una prova a settembre con il ritorno al futuro antico di Forza Italia.

L’altra domanda riguarda, inevitabilmente, le ricadute sul governo Letta.

Il PdL non farà cadere il governo Letta, questo è chiaro, ma aspetterà che sia il Pd del nuovo segretario che uscirà dal congresso di ottobre/novembre a staccare la spina.

Interessante sarà vedere cosa accadrà al Senato nel momento in cui si deciderà sulla decadenza del senatore Berlusconi.

Il voto del Pd sarà la cartina di tornasole del suo congresso.

Queste le nostre valutazioni politiche sul passato e sul presente.

Per quel che riguarda il futuro, la condanna di Silvio Berlusconi non può e non deve inficiare l’urgente bisogno di una nuova organizzazione di centrodestra e di una vera rivoluzione liberale.

Su tutti e due i fronti il centrodestra berlusconiano è indietro, se non fuori tempo massimo.

Siamo convinti che, dopo, oppure nonostante questa condanna, quello spazio politico che, per comodità, chiamiamo destra sia pervasa da forti sommovimenti intestini destinati a defragare.

Per quel che riguarda la rivoluzione liberale, questa non può non essere scissa dalla forma futura della destra.

Una forma che deve essere congruente e coerente con i contenuti della stessa.

Una rivoluzione che dovrà investire il fisco e la giustizia, come minimo.

the Vatican Seagull

marzo 13th, 2013 § 0 comments § permalink

A voler essere anche un po’ fatalisti, possiamo dire che i segnali dell’avvento di un nuovo pontefice erano già nell’aria. Non solo metaforicamente. Quel gabbiano, fermo, sul comignolo della Cappella Sistina da cui, pochi minuti fa, è uscita la famosa fumata bianca , era un segno “divino”. Simbolicamente, infatti, il gabbiano è il messaggero del Divino in questo piano e quindi è facile dire, adesso, che i segnali c’erano tutti.

Certamente questo conclave non è stato un conclave “normale”, il gesto delle dimissioni di Papa Benedetto XVI restano un gesto quasi rivoluzionario. Un gesto niobile, generoso e pieno d’amore da parte di un pontefice, spesso ingiustamente etichettato come conservatore, verso la sua Chiesa.

Una Chiesa divisa tra la sua missione lucente di fede e di speranza ed una curia vaticana, scossa da troppi veleni e da troppe divisioni.

Sanare queste ferite e ricucire questi strappi, infatti, saranno la principale missione dell’ex cardinale Jorge mario Bergoglio, da oggi Papa  Francesco I, cui auguriamo di cuore un fecondo ed illuminato pontificato.

Indubbiamente  questo conclave nella sua brevità ha dato già una risposta alla richiesta pressante di unità da parte dei fedeli di tutto il mondo. Adesso bisognerà vedere, con fiducia, se le altre richieste verranno soddisfatte.

Chi scrive non può fregiarsi del titolo di fervido praticante, ma forse quello di un umile pellegrino in cammino nel mondo. Ciò però non toglie che seguiremo con interesse questa nuova fase.

Una nuova fase segnata dai tantissimi Ipad che vendono innalzati dalle mani dei fedeli riunite nella piazza per riprendere la prima apparizione del nuovo Pontefice. E proprio questi Ipad, tablet e smartphone sono il segno che tradizione e modernità possono unirsi con gioia.

Speriamo che il nome scelto da questo nuovo Papa, Francesco, oltre ad essere una novità assoluta, sembra essere l’auspicio di un ritorno alla semplicità ed alla trasparenza, quasi mistica, del Vangelo.

La fase annunciata da un piccolo gabbiano sopra un comingnolo…

E’ possibile che…

dicembre 16th, 2012 § 1 comment § permalink

Ma Porca Puttana !!!!

Possibile che debba, dopo aver passato i miei primi 40 anni, decidere se delegare il mio futuro a delle persone che, nella migliore delle ipotesi, hanno più di 50 anni e nella peggiore quasi 80 ?

Persone che, molto più di me, non sono nativi digitali e, nel caso peggiore non sanno pronunciare correttamente la parola “Google”.

Persone che usano un vocabolario vecchio, intriso di un buonismo da “piccolo mondo antico” misto a “Don Camillo e Peppone”. Un vocabolario dove le parole non hanno, e non possono avere, lo stesso significato per chi mastica innovazione ed interrnet tutti i giorni.

Persone che alla parola merito preferisce la parola solidarietà, intesa come uguaglianza di risultati, che alla parola legalità preferisce la parola equità, intesa come surrogato di giustizia alla amatriciana, che alla parola innovazione preferisce la parola tradizionalismo, che alla parola laicità prefersice il confessionalismo, che alla parola democrazia preferisce la parola oligarchia, che alla parola riforme prefersice la parola riformismo, che alla parola impresa preferisce la parola monopolio, che alla parola sussidiarietà preferisce la parola burocrazia, che alla parola scelta preferisce la parola obbligo, che alla parola crescita preferisce la parola austerità, che alla parola Europa preferisce la parola europeismo, che alla parola connessione preferisce la parola protezione, che alla parola tolleranza preferisce la parola rifiuto, che alla parola opportunità preferisce la parola assistenzialismo, che alla parola libertà preferisce la parola paura.

Allora mi viene da dirlo forte e chiaro: con queste persone io non ho niente a che spartire, porca puttana.

E dovrei lasciare a loro la decisione del mio futuro ?

Possibile che ancora non soffi forte un vento di rivoluzione, di una rivoluzione generazionale e culturale.

Di quella generazione di outsider, come la mia, che rischia di essere schiacciata dai propri padri e dai propri fratelli. Di una generazione rassegnata alla delega gerontocratica ed alla droga di un paradiso consumistico da cui siamo stati cacciati dagli stessi che ancora ci promettono di farci rientrare. Di una generazione incapace di pensare una sua nuova cultura per inquadrare questo tempo e questo mondo, ma che si crogiuola in una melassa ideologica senza sapore, senza odore e senza passione.

Una generazione passata senza passione, una generazione vissuta senza vita, una generazione Erasmus senza aver conosciuto e capito Erasmo da Rotterdam, una generazione passata senza mai essere partita, una generazione senza azione e senza genere, una generazione senza volto e senza voce, una generazione delle potenzialità impotenti, una generazione che sogna, ma non si sveglia per realizzare questi sogni, una generazione senza un passato condiviso ma con un un futuro reciso in comodato d’uso.

Non sogno questa rivoluzione generazionale, non più. Non mi bastano più i sogni, vorrei un segno.

Magari un segno di vita.

e non un ultimo sussulto prima del rigor mortis.

Porca puttana…

Quello che (alcuni) non capiscono (e si ostinano)…

febbraio 6th, 2012 § 0 comments § permalink

Un altro tipo di grillismo si sta impadronendo di alcuni parlamentari. Non stiamo parlando dell’antipolitica del movimento cinque stelle, ma di una sindrome che sembra si stia impadronendo dei nostri rappresentanti nella Camere, eletti o nominati che siano.

E’ la sindrome del Marchese del grillo, fantastico personaggio, magistralmente interpretato dal compianto Alberto Sordi.

In una famosissima scena, infatti, il Marchese evitava una giusta punizione in carcere, grazie al suo lignaggio, e di fronte ai mugugni degli altri cittadini pronti ad andare in prigione, diceva una famosissima frase: “Io so’ io e voi nun sete un cazzo !”.

Ebbene questo è il commento che rimbomba nelle nostre orecchie di fronte alla notizia secondo la quale alcuni parlamentari abbiano presentato ricorso avverso la decisione di un nuovo regime, e susseguente (minimo) taglio ai vitalizi.

Non mi è mai piaciuta l’antipolitica e il dare addosso gratuitamente a chi decide di impegnarsi in politica.

Ma qui si parla di un privilegio, e non di un diritto funzionale al buon andamento della democrazia.

La politica, oggi, non gode di buona stampa e di buon nome, anzi.

Ma la colpa non è della Politica tout court, semmai della casta dei politici attuali.

Di una casta, per lo più, dedita al servilismo, alla omologazione, alla conservazione ed all’affarismo, senza passione civile e senza anelito culturale. Frutto di una legge elettorale che massimizza il potere di veto delle estreme, radicalizza il confronto, aumenta il potere ricattatorio dei singoli, azzera il controllo degli elettori e sterilizza la responsabilità pubblica.

Di una casta che si è dimostrata, in larga maggioranza, incapace di una visione complessiva dell’architettura dello Stato e delle sue istituzioni, inane di fronte alle turbolenze estere, inadeguata di fronte alla sfida dei tempi al punto di essere felice di farsi commissariare da un governo tecnico, allargando fin quasi alla rottura le regole della Costituzione materiale e formale.

Di una casta, per lo più, pasticciona ed arruffona prontissima a inseguire il quotidiano, ed inesperta ad allargare l’orizzonte della sua visione al futuro.

Di fronte a questo “spettacolo” è naturale che ci siano più fischi che applausi.

Eppure da questo spettacolo bisognerà ripartire, a patto che la casta capisca che non c’è più nessun tempo e nessuno spazio per i propri guadagni e per la sopravvivenza dei propri privilegi.

In gioco c’è molto di più che il proprio vitalizio, c’è la credibilità e l’autorità dell’Italia.

Di quella Italia che merita molo più di uno strapuntino in una lista bloccata.

Di quell’Italia che ha bisogno di esempi e non di leggi per tornare a dispiegare, in pieno, le sue ali.

Noi siamo noi e voi nun sete…


Cosa stai leggendo?

Quello che (alcuni) non capiscono (e si ostinano)… su Fabrizio Cipollini.